border Corsi di liuteria Frudua
TORNA ALL'INDICE

PERCHE' STRUMENTI APPARENTEMENTE IDENTICI SUONANO IN MODO DIFFERENTE?
COSA CONTRIBUISCE A FARE SUONARE UNO STRUMENTO IN MODO STRAORDINARIO?

Lo scopo di questo articolo è mettere un po' di ordine sulla materia spiegandola in termini comprensibili a tutti.

All termine della lettura sarete per la prima volta in grado di selezionare, utilizzare e miscelare i vari legni per ottenere il suono che voi o il vostro cliente avete in mente.

Cercherò di spiegarmi nel modo più comprensibile possibile e mi perdoneranno gli esperti per alcune semplificazioni che però sono d'obbligo al fine di mettere questa conoscenza a disposizione di tutti.

Il contenuto di questo articolo è unico e molto più specifico di tutto ciò che siamo stati abituati a leggere fin'ora ed è il frutto di tanto studio, di tanti segreti e di 30 anni di liuteria con circa 400 strumenti tra bassi e chitarre costruiti.

Vi prego perciò, nel farne libero uso, di citare la fonte e il link da cui avete attinto queste informazioni (www.frudua.com)
.

==============================================================================

Il suono di uno strumento elettrico è fortemente influenzato da diversi fattori tra cui principalmente il tipo di pickup impiegati e il loro posizionamento lungo la scala.

Al legno va la responsabilità di risuonare e restituire a corde e pickups l'energia da tradurre in suono.

Ad esso è relegato perciò il ruolo più importante per il liutaio e per il musicista professionista: fare la differenza tra uno strumento "normale" ed uno "straordinario".

Due sono i fattori di vitale importanza per il suono di uno strumento:
1) la purezza della vibrazione della corda (sustain).
2) la timbrica

Nel disegnare uno strumento occorre perciò utilizzare legni in modo che essi favoriscano al massimo la vibrazione della corda senza interferire e al contempo selezionandoli, abbinandoli e lavorandoli in modo da ottenere la timbrica che cerchiamo.

Ecco perchè costruire o trovare uno strumento eccezionale non è cosa facile.

LA VIBRAZIONE DELLA CORDA

Per semplificare pensate al suono in termini di risonanza. Un manico risuona ad una determinata frequenza, quella del legno (o DELLA SOMMA dei legni) di cui è composto (manici neck_through).

Ogni manico (anche preso dallo stesso albero o dalla stessa tavola) suonerà diversamente. Lo sanno bene i costruttori di bacchette per batteria che utilizzano metodi uditivi e anche meccanici per "intonare" la coppia di bacchette cioè per far sì che le due bacchette di ogni coppia suonino il più simili possibile (con TBE ci è capitato di recente di costruire un macchinario proprio allo scopo per una ditta italiana).

Le corde hanno anch'esse una loro risonanza.

Frequenze simili si cancellano.



Se la risonanza del materiale di cui è composto lo strumento interferisce con la risonanza delle corde, alcune armoniche verranno cancellate o enfatizzate e avremo problemi di vibrazione sulla corda: poco sustain, "wolf noes" (note ululanti), note morte (dead notes), etc.

Se la risonanza del legno non interferisce con la risonanza delle corde avremo una vibrazione pura.

Se il picco di risonanza è troppo lontano da quello delle corde, allora avremo un legno che non contribuisce al suono del nostro strumento in modo significativo.

Ne deriva che, per corpo e manico, dovremo scegliere un legno che risuoni (vibri) in modo "ADIACENTE" alla risonanza delle corde ma senza "sovrapporsi" ad essa.

Come un calciatore che dribbla gli avversari, il picco di risonanza del legno si troverà vicino al picco di risonanza delle corde senza incontrarlo mai.

Il nostro scopo è mirare prima di tutto ad una vibrazione pura e secondariamente costruire un suono intorno a questa vibrazione utilizzando legni diversi a seconda della timbrica che vogliamo ottenere.

A livello di materiale, il principio alla base di come il materiale di cui è costruito uno strumento ne influenza il timbro, può essere enunciato come segue: più elevata la massa, più alto è il grado di ritenzione di energia e più è favorita la diffusione del suono all'interno di esso.



In altre parole, tanto più è denso il materiale di cui è costruito uno strumento, tanto meno la vibrazione della corda verrà assorbita dallo strumento stesso, il che si traduce in una più lunga vibrazione della nota.

Se la nota vibra liberamente e uniformemente noi abbiamo definizione e bilanciamento cioé un ottimo terreno sul quale costruire il nostro suono.

LA TIMBRICA

Le proprietà fisiche del legno che più ci interessano, quelle che dobbiamo imparare e tenere a mente per il suono, sono:
1) la rigidezza (coefficiente di elasticità lungo la venatura) che riguarda più che altro
costruzione di strumenti dotati di tavola armonica come violini e chitarra acustica.
2) densità del legno (per cui coefficiente di propagazione del suono al suo interno)
3) attrito interno (attitudine a smorzare e dissipare l'energia che applichiamo al legno)

In generale legni meno densi e più leggeri generano più volume, meno attacco e meno sustain, mentre legni più duri e pesanti saranno caratterizzati da un maggior sustain e attacco con una maggior presenza dell'armonica fondamentale e meno volume.

Immaginate che fino ad ora abbiamo realizzato uno scheletro: ci siamo sincerati che il legno utilizzato permetta alla corda di vibrare liberamente (poi vedremo come fare all'atto pratico e nel dettaglio col metodo del "tapping").

Stagionatura e selezione del legno giocano un ruolo cruciale
nella costruzione della chitarra e del basso elettrico.


Ora dobbiamo "rivestire" lo scheletro con la timbrica che abbiamo in mente. Per fare questo abbiamo disponibili decine di legni e pickups. Nello strumento elettrico i pickup hanno un'enorme importanza. Dai pickup dipendono l'80% del suono di una chitarra e il 70% del suono di un basso elettrico.

I pickups però altro non fanno che rilevare il suono della vibrazione delle corde la quale dipende interamente dal legno utilizzato. Ecco perchè il legno fa quella differenza che sentiamo quando paragoniamo lo stesso modello di chitarra e notiamo che alcune suonano meglio di altre.

Oggi capiremo perchè e come "pilotare" queste differenze.

La parte in legno più importante dello strumento elettrico, qualunque esso sia, è il manico. Per capire perchè leggete qui.

Per capire in modo chiaro l'influenza che il legno ha sulla timbrica e come possiamo utilizzarlo per ricreare il suono che abbiamo in mente, dobbiamo suddividere i legni in 5 diverse tipologie:

  • Legni leggeri soffici e poco densi
  • Legni di peso durezza e densità medi
  • Legni mediamente leggeri ma duri e mediamente densi
  • Legni duri pesanti e densi
  • Legni duri e oleosi

  • Legni leggeri soffici e poco densi
    Appartengono a questa categoria legni come betulla e pioppo che non andrebbero mai usati in liuteria in quanto le loro caratteristiche di rigidità, robustezza e timbro non si adattano a nessuna parte dello strumento.
    Al tapping sono caratterizzati da un volume medio basso e una sonorità leggermente sorda, quasi priva di basse e con un decadimento veloce.
    LIUTAI ATTENZIONE: appartengono anche a questa categoria tagli particolarmente esterni (in qualsiasi albero un taglio basso e esterno risulterà ancora più leggero di un taglio alto ed interno) di legni particolaremente leggeri come tiglio e frassino di palude i quali, se tagliati troppo all'esterno dell'albero, risulteranno troppo leggeri per un utilizzo efficace.

    Legni di peso, durezza e densità media
    Appartengono a questa categoria legni utilizzati con ottimi risultati per il body come per esempio ontano (Alder), frassino (ash), specie di mogano più leggere, tiglio (basswood) ma anche legni esclusi dalla tradizione liuteristica come per esempio il faggio, ciliegio e castagno. Al tapping si riconoscono per la sonorità caratterizzata da un buon sustain, un volume "importante" ed una sonorità presente su tutte le frequenze.

    Frudua Slave Pentabass fretless. Tuya e mogano forniscono supporto di medie, basse, sustain e definizione al manico in 11 sezioni di acero e amarante che di suo garantisce stabilità e il giusto ammontare di brillantezza ed attacco. La tastiera in ebano non troppo spessa, regala cantabilità e scorrevolezza.

    Legni mediamente pesanti, rigidi e relativamente densi
    Fanno parte di questo gruppo legni altamente risonanti come per esempio l'acero, ottimo per alcune applicazioni tipo la costruzione di manici, top e a volte anche body ma anche tagli alcune specie più pesanti di mogano, frassino ed anche il noce a volte utilizzato per le laminazioni dei manici neck through. Al tapping si riconoscono per la sonorità caratterizzata da un ottimo sustain, un volume "importante" e una sonorità presente su tutte le frequenze.

    Frudua Octabass Custom. La scelta dell'acero sia per il manico che per il body segue le volontà del cliente di ottenere definizione e brillantezza sulle corde acute per un effetto "arpa" da arpeggio e accordi. La radica di tuya arrotonda leggermente il suono. Uno strumento prettamente solista.

    Legni duri, pesanti e densi, inclusi i minimamente oleosi
    Fanno parte di questa famiglia legni esotici come l'ebano, i vari tipi di wenge, amarante, paduak, utilizzati soprattuto per le tastiere, ma anche il bubinga per esempio utilizzato per i bassi. Al tapping offrono una sonorità brillante con un ottimo sustain ma un volume relativamente basso. L'utilizzo di questi legni è raccomandato per laminazioni atte ad irrobustire il manico (tipico dei neck through) oppure come top plate per "equalizzare" uno strumento neck through body. Se utilizzati in spessori minimi e in abbinamento a legni più neutri come mogano, ontano o frassino, la particolare durezza e densità di questi legni rinforza il sustain garantendo definizione alla armonica fondamentale per esempio per un si basso definito e preciso.

    Top plate in bubinga su body in mogano su Frudua Slave Pentabass. Insieme al manico in acero e la tastiera in ebano regalano un suono presente e definito su tutte le frequenze. Uno strumento versatile.

    Legni duri,resinosi e oleosi
    Fanno parte di questa famiglia legni esotici il cui contenuto di olii naturali può variare da un minimo (palissandro, amarante, ad un massimo (teak, goncalo alves, cocobolo, bocote, ziricote, zebrano). Questi legni al tapping offrono una sonorità che varia dal brillante con un buon sustain ma un volume relativamente basso (minimamente oleosi) ad una sonorità generalmente leggermente sorda (più oleosi) e andrebbero usati (in special modo i secondi) con cautela e in spessori limitati e relegati a mere questioni di resistenza all'usura (ebano e palissandri) piuttosto che di estetica (top plates di pochi millimetri). Per esempio il palissandro è un legno oleoso che porta via suono all'acero del manico e andrebbe utilizzato limitatamente ed in spessori minimi (*) oppure per scurire INTENZIONALMENTE il suono di uno strumento troppo brillante. Questi legni ci aiutano a capire come trattare gli strumenti con olii essenziali invece che con vernici sintetiche sia difficile e pericoloso per il suono.

    L'acqua viene respinta dagli olii naturali su un'assicella di cocobolo.

    L'IMPORTANZA DEL LEGNO DEL MANICO In fase di progettazione timbrica occorrerà prima di tutto concentrarsi sul cuore dello strumento: il manico.

    Nella risonanza del manico molteplici sono i fattori che hanno un impatto drammatico sul suono:.
  • la stagionatura (contenuto d'acqua),
  • lo spessore e quantità di legno,
  • il tipo di finitura (morbida o dura)
  • in che modo e in che punto dell'albero è stata tagliata l'asse,
  • in che punto dell'asse è stato tagliato il manico o il corpo,
  • che tipo di asta tendimanico è posizionata all'interno del manico,
  • etc.

  • Stagionatura
    ll contenuto di acqua all'interno delle pareti e dei canali delle cellule influenza il modo in cui il legno risuona.
    Di conseguenza un legno asciutto risuonerà meglio di un legno ancora umido.

    Spessore
    Lo spessore del manico influenza notevolmente il suono generale dello strumento. Più risonante e spesso il manico più il vostro strumento suonerà bene. NB: un manico risonante ma sottile suonerà sempre meglio di un manico grosso ma sordo (importanza del tapping).

    Finitura
    Una finitura sottile e dura proteggerà e lascerà suonare il manico meglio di una finitura spessa e dura ma soprattutto di una finitura ad olio non professionale la quale impregnando il manico, ne compromette la risonanza.

    Taglio
    Un taglio interno fornirà un legno più duro e denso (più sustain meno volume più brillantezza e più stabilità), mentre un taglio esterno un legno meno denso e più leggero (più volume, meno sustain, più corposità meno stabilità). Il meglio come sempre sta nel mezzo.

    Truss Rod
    Sia il materiale di cui è costituito il truss rod, sia il modo in cui esso è installato all'interno e lo stato in cui si trova nel momento in cui il manico sta suonando, influenzano la risonanza del manico. In genere più legno occorre asportare per inserire il truss rod meno suono rimarrà nel manico. Certi truss rod inoltre vengono rivestiti con una guaina di plastica che contribuisce ad inibire la risonanza.

    ALL'ATTO PRATICO

    In fase di progettazione timbrica occorrerà prima di tutto concentrarsi sul cuore dello strumento: il manico.

    Concentriamoci su ogni pezzo di legno. Tagliamone diversi e lasciamoli stagionare.

    A questo punto siamo pronti per applicare il metodo Frudua del tapping.

    Di seguito trovate alcuni grafici che rappresentano in maniera semplificata, l'influenza timbrica dei vari tipi di legno sul suono delle differenti parti che compongono lo strumento elettrico.



    (*) Lo capì anche Leo Fender che ridusse sempre più lo spessore delle tastiere della stratocaster fino a quasi un'impiallacciatura per evitare gli effetti del palissandro sia sulla stabilità che sulla timbrica dello strumento.
    border
    © 2010 Galeazzo Frudua. All rights reserved

    Share |

    TORNA ALL'INDICE