Corsi di liuteria Frudua



LA TASTIERA DELLA CHITARRA ELETTRICA

La chitarra elettrica industriale nasce nel 1954 con tastiera in acero per mano di Leo Fender. L'acero viene successivamente sostituito nel 1959, sembrerebbe per motivi di marketing, ("The Fender Stratocaster - A.R.Duchossoir.") con il palissandro indiano.

Leo Fender si rese presto conto che l'introduzione del palissandro aveva ridotto la stabilità del manico, il quale in origine era costituito da un unico pezzo di acero, e che il palissandro cambiava il suono dello strumento rendendolo più cupo e meno risonante.

Fender ridusse perciò progressivamente lo spessore del palissandro fino al livello di un'impiallacciatura, salvo reintrodurre nel 1965 la tastiera in acero come optional. La fender reintrodusse e poi definitivamente l'acero nel 1969 fornendo la tastiera in palissandro come opzionale.

Questa curva di cambi che pochi conoscono, ci dice molto sull'attenzione che va posta nella selezione del legno della tastiera al fine di preservare al massimo il suono e la stabilità dell'acero di cui è composto il manico.


A sinistra: nei primi manici Fender completamente costruiti in acero e il
truss rod era inserito dal retro e poi coperto con una striscia di noce.
Più tardi venne introdotta la tastiera in palissandro.



Lo spessore del palissandro venne successivamente ridotto fino ad un minimo
di 3mm. L'acero venne reintrodotto definitivamente nel 1970.



I legni più utilizzati per la tastiera sono:

  • l'acero,
  • l'acero occhiolinato,
  • palissandro indiano,
  • palissandro brasiliano,
  • pau ferro,
  • ebano.

  • Occasionalmente vediamo utilizzare anche amarante, bubinga e wenge.

    La realizzazione dei tagli (slot) sulla tastiera avviene mediante l'utilizzo di macchinari a controllo numerico la cui possibilità di errore non supera il centesimo di millimetro.

    Dopo l'inserimento dei tasti, che avviene con una speciale pressa o tramite martello, gli stessi vengono rettificati a mano, arrotondati e lucidati per assicurare il massimo comfort sulla tastiera.


    I tasti vengono rettificati a mano, arrotondati e lucidati
    per assicurare il massimo comfort sulla tastiera.




    SUONO
    I fattori che determinano l'influenza del suono del legno utilizzato per la tastiera sulla chitarra elettrica sono molteplici e tutti hanno origine dall'apporto che il legno aggiunto fornisce all'intera struttura del manico, sia in termini di rigidità che di timbrica.

    Timbricamente e a livello di stabilità, il miglior legno sia per il manico che per la tastiera è l'acero; incontriamo però spesso anche palissandro e ebano. Questi due legni resistono meglio all'usura rispetto all'acero, il quale è protetto da un sottile strato di vernice che col tempo può consumarsi.

    Il palissandro (e le sue derivazioni palissandro Brazil, pau ferro, ecc.) è un legno oleoso che tende ad attutire leggermente gli acuti arrotondando la parte alta del suono e togliendo una piccola percentuale di volume allo strumento.

    L'ebano è un legno più denso e pesante del palissandro caratterizzato da un volume ancora minore di quello del palissandro, ma in grado di conferire allo strumento un pizzico di sustain in più.

    Il mio suggerimento è tenere questi due legni il meno spessi possibile per lasciare suono all'acero.


    STABILITA'
    La struttura della tastiera e la modalità con cui viene costruita giocano un ruolo cruciale per la stabilità del manico.

    Se non si tratta di acero, è consigliabile tenere lo spessore della tastiera il più ridotto possibile per lasciare suono all'acero e tagliare gli slot dei tasti il più possibile di misura per il tasto utilizzato, per mantenere il manico stabile.

    Durante il corso di liuteria individuale Frudua di costruzione chitarra elettrica, dedichiamo con l'allievo una parte molto importante a tutta la costruzione della tastiera. Questa parte è una delle più cruciali in assoluto sia per il suono che per la velocità di esecuzione e il comfort della tastiera.



 
YouTube Certified

Galeazzo Frudua

Liutaio e docente di liuteria dal 1988 ad oggi ha costruito circa 350 tra chitarre e bassi boutique il cui prezzo varia dai 2.900 ai 5.600 euro e riparato e customizzato migliaia strumenti di ogni tipo. Si avvalgono dei strumenti o dei suoi amplificatori artisti come Chick Corea, Peter Gabriel, Ennio Morricone, Vasco Rossi, etc. È proprietario di due canali youtube che totalizzano più di 26 milioni di visualizzazioni e quasi 100.000 iscritti dove insegna musica.

Corsi di liuteria Frudua

Copyright ©2019 Galeazzo Frudua. All Rights Reserved.