Corsi di liuteria Frudua
TORNA ALL'INDICE
Quando una corda viene pizzicata e comincia a vibrare, l'interferenza creata dalla vibrazione nel campo magnetico del pickup causa dei cambiamenti nel flusso di energia che passa attraverso il pickup stesso. L'energia passa così dalla chitarra all'amplificatore, da lì agli speakers ed infine al nostro orecchio divenendo suono.

Le corde vibrano come un'onda sinusoidale muovendosi in patterns (praticamente infiniti) chiamati parziali o armoniche.

Il suono che ne deriva dipende dal posizionamento dei pickups lungo il pattern di vibrazione della corda. Se suoniamo un Mi libero noteremo che la corda non si muove ai suoi estremi e che il massimo punto di vibrazione corrisponde alla sua metà. Questa nota è definita "prima armonica" o "fondamentale" ed è quella caratterizzata dal volume più elevato.

I punti in cui le corde non si muovono sono denominati nodi e i punti in cui la corda vibra alla sua massima ampiezza sono definiti "antinodi".
La prossima in ordine di udibilità è la seconda armonica che corrisponde all'ottava superiore la quale ha un nodo al centro della corda (l'armonico che normalmente usiamo per accordare le ottave). I punti più udibili e di massima vibrazione di questa armonica (antinodi) sono posizionati, a loro volta, a metà strada tra i punti di ancoraggio della corda ed il nodo, cioè ad 1/4 and 3/4 della lunghezza totale della corda stessa.



Si tratta della stessa nota che udireste suonando l'armonico al 12° tasto, ma noi non la udiamo chiaramente perché avendo suonato una corda libera la nota principale ha un maggior volume. La terza armonica divide la corda in 3 parti con nodi ad 1/3, 2/3 e così via all'infinito.
Le prime 5 armoniche.

In ultimo un piccolo trucco: come insegnano i maestri costruttori di pianoforti, il punto migliore dove pizzicare la corda lungo la sua estensione è tra un settimo e un sesto della sua lunghezza (più o meno dove è posizionato il pickup centrale della Stratocaster).
Questa posizione cancella infatti l'effetto dissonante della settima armonica.

© 2010 Galeazzo Frudua. All rights reserved

Share |

TORNA ALL'INDICE