Corsi di liuteria Frudua
TORNA ALL'INDICE
Esistono almeno 3 principali tecniche di avvolgimento usate per le corde da basso:
  • Round Wound,
  • Half Round Wound,
  • Flat Wound.

  • Per un approfondimento leggi qui.
Da sx a dx: corde round wound, half round wound e flat wound.

Non solo diversi tipi di corde suoneranno diversamente ma avranno anche impatti diversi sulla longevità dei tasti (e della tastiera nel basso fretless) e sul feel che offrono sotto le dita.

Generalmente la struttura di una corda da basso è costituita da un'anima in acciaio a sezione esagonale attorno alla quale precisissimi macchinari a controllo numerico avvolgono più spire di acciaio o acciaio ricoperto in nickel.

La struttura interna di una corda da basso (si 130).

In genere le corde costruite completamente in acciaio tendono ad esser più brillanti di quelle in nickel, le quali sopperiscono però con una migliore risposta sui medi. Le corde in acciaio restituiscono di norma un feel più "ruvido" di quelle in nickel che risultano tendenzialmente più "maneggevoli".

Per queste ragioni c'è chi preferisce l'acciaio per lo slap e il nickel per generi più "rock" e "vintage".



Anche il suono del basso fretless è profondamente influenzato dal tipo di corda usata.

L'utilizzo per esempio di corde round wound è più adatto a chi cerca nel fretles un suono più "cantabile" da assolo con note anche lunghe ed il classico effetto "brass".

In questo caso si tende a tenere il manico del basso piuttosto diritto e le corde leggermente più alte.

Se si desidera invece una sonorità più contrabbassistica le corde "flat wound" (liscie) offriranno un feel molto piacevole al tocco e una sonorità più simile ad un contrabbasso mentre le "half round wound" (semi-liscie) restituiranno una timbrica a mezza vie tra le due precedenti.

Nel basso acustico (per una serata unplugged) è possibile utilizzare anche corde in nylon (anima in nylon e rivestimento nickel o bronzo), considerando però che questo materiale non viene rilevato dai pickup magnetici.

© 2013 Galeazzo Frudua. All rights reserved

Share |

TORNA ALL'INDICE